Mar 08, 2021 Last Updated 5:41 PM, Mar 2, 2021

Articoli Recenti

  1. Interviste
  2. Recensioni
  3. Rassegne
  4. Critica

Filippo Biagianti e Massimiliano Studer - avatar Filippo Biagianti e Massimiliano Studer

EYES WIDE SHUT MASKS

  THE DOCUMENTARY "THE MASKS OF EYES WIDE SHUT" (NB: LA VERSIONE ITALIANA DEL TESTO CONSULTABILE NEL PDF ALLEGATO)...

Leggi tutto

Filippo Biagianti e Aelfric Bianchi - avatar Filippo Biagianti e Aelfric Bianchi

DANIELE GAGLIANONE

CONVERSAZIONE CON DANIELE GAGLIANONE. Di Filippo Biagianti e Aelfric Bianchi Fine giugno 2013. La 49a edizione della ...

Leggi tutto

Filippo Biagianti - avatar Filippo Biagianti

MONI OVADIA

Conversazione con Moni Ovadia. I fratelli Marx, la Shoah e la questione palestinese. Di Filippo Biagianti Pesaro 13 g...

Leggi tutto

Massimiliano Studer - avatar Massimiliano Studer

LAITH MUSHTAQ

INTERVIEW WITH AN AL JAZEERA'S DOCUMENTARIST: LAITH MUSHTAQ FROM IRAQ The first time we met Laith was during a lectur...

Leggi tutto

Massimiliano Studer - avatar Massimiliano Studer

CARLO VERDONE

INTERVISTA A CARLO VERDONE In collaborazione con Filmstudio di Roma http://www.filmstudioroma.com/index.php Abbiamo...

Leggi tutto

Massimiliano Studer - avatar Massimiliano Studer

OTTAVIA PICCOLO

  Ottavia Piccolo ci ha accolto nel suo camerino del Teatro Carcano di Milano dove sta portando in scena con Vittorio ...

Leggi tutto

Lucia Mancini - avatar Lucia Mancini

MISS MARX: UN FILM CHE SORPRENDE E APPAS…

La passione di divulgare, affermare, realizzare le parole e il messaggio del padre in modo concreto si unisce nell'ani...

Leggi tutto

Alessandro Studer - avatar Alessandro Studer

ALCUNE CONSIDERAZIONI CRITICHE A PROPOSI…

Miss Marx, di Susanna Nicchiarelli, si può dire, è un film atteso da almeno mezzo secolo1. La lunga attesa ha però ...

Leggi tutto

Aldo Nicosia - avatar Aldo Nicosia

"MORIRAI A VENT'ANNI": UNA PER…

Di Aldo Nicosia* Confesso di non aver mai visto, prima di Sa-tamut fi’l-‘ishrin (“Morirai a vent’anni”, 201...

Leggi tutto

Monica Macchi - avatar Monica Macchi

SARAH E SALEEM: LÀ DOVE IL PRIVATO È P…

TRAILER Per tradire David, avresti potuto scegliere fra 3 milioni di ebrei: perch...

Leggi tutto

Carlo Jacob - avatar Carlo Jacob

"A LAND IMAGINED", PARDO D'ORO…

  A Land Immagined. Regia di Yeo Siew Hua. Un film con Peter Yu, Jack Tan, Luna Kwok, Kelvin Ho. Genere Drammatico...

Leggi tutto

Toni Muzzioli - avatar Toni Muzzioli

RIVOLUZIONE. ISTRUZIONI PER L’USO. A P…

  Andate a vederlo al cinema, finché è possibile. Comprate il DVD. Proponetelo ad amici e parenti, soprattutto a...

Leggi tutto

Alessandro Studer - avatar Alessandro Studer

LA RIVOLUZIONE ARABA: DAL MESSAGGERO DI …

LA RIVOLUZIONE ARABA: DAL MESSAGGERO DI DIO A TAHRIR SQUARE Questa è una rassegna che è stata concepita sotto il segn...

Leggi tutto

Alessandro Studer - avatar Alessandro Studer

FUKUSHIMA, MON AMOUR! OVVERO AMORE/ODIO …

FUKUSHIMA, MON AMOUR! OVVERO AMORE/ODIO PER IL NUCLEARE NEL CINEMA DAL PRIMO DOPOGUERRA AD OGGI Mettere a fuoco e ordin...

Leggi tutto

Alessandro Studer - avatar Alessandro Studer

SULLA NATURA PROTEIFORME DEL LINGUAGGIO …

SULLA NATURA PROTEIFORME DEL LINGUAGGIO CINEMATOGRAFICO Parte seconda: Cinema e psicoanalisi È opportuno precisare ch...

Leggi tutto

Alessandro Studer - avatar Alessandro Studer

SULLA NATURA PROTEIFORME DEL LINGUAGGIO …

SULLA NATURA PROTEIFORME DEL LINGUAGGIO CINEMATOGRAFICO  Il presente testo è nato dalla trascrizione di una confe...

Leggi tutto

 - avatar

Rooms Show Range of Modernist to Traditi…

The European languages are members of the same family. Their separate existence is a myth. For science, music, sport, et...

Leggi tutto

 - avatar

Modern and Minimalist Flat Interior Desi…

The European languages are members of the same family. Their separate existence is a myth. For science, music, sport, et...

Leggi tutto

 EWS DOC

THE DOCUMENTARY "THE MASKS OF EYES WIDE SHUT" (NB: LA VERSIONE ITALIANA DEL TESTO CONSULTABILE NEL PDF ALLEGATO)

NOTE: Click “CC” on vimeo's video for English subtitles.

What follows is an account of events that occurred for the realization of our documentary. This summary is also the result of telephone conversations, numerous exchanges of emails, and video and audio recordings with the protagonists of an incredible adventure that I hope to arouse curiosity in scholars and fans of Stanley Kubrick.
This research project was born almost by accident and by a simple question: how come no one has ever tracked down the craftsmen who created the masks of the main movie Eyes Wide Shut? I was in Venice in August 2012, and I was determined to find a store that years before, I had discovered randomly. This shop had a sign in the window that contained this sentence: “Supplier of the masks of Stanley Kubrick’s film Eyes Wide Shut starring Tom Cruise and Nicole Kidman”. Searching the internet, I found the address of a shop located near the Rialto, and more precisely in Campo de la Guerra. It was “Il Canovaccio” . It was not the store that I saw many years ago, but in light of what has happened since, it was good that it was not so .
IMG 0673As it all started in 2012, you may ask why it has taken so long to publish this editorial only now in 2014 and wondering why it took so long to make a documentary dedicated to the masks in Eyes Wide Shut. The reasons are many, however, we can say that the delay is due to complex problems that have been revealed and solved with the passage of time. Many people have generated a wealth of information and a lot of memories unrelated to each other. Some details have emerged only after a long time and it was, in other words, difficult to reconstruct a unique puzzle consistent enough to allow the creation of a documentary. The main reason for this difficulty is due, no doubt, to the memory of the respondents put to the test by events that occurred 15 years ago . That is why it was important for me to get the documents, with dates and exact circumstances, that prove with no doubt that this beautiful shop (see photo below) had actually had connection with the production of the film. With the name of Kubrick, in fact, there is always the possibility that there is a tendency to exaggerate and overestimate every detail. For example, it is known that many shops in Venice have boasted, soon after the movie’s release, a collaboration with Kubrick himself for the construction of the masks in the film, for the sole purpose of advertising. “Il Canovaccio”, unlike other shops that actually had collaborated with Warner, seemed not very interested to raise awareness of this important collaboration. The first thing that gave me confidence, in fact, was to observe that these craftsmen had not shown any sign of blatant self-celebration. Only a very small and innocuous blurb of a local newspaper was taped on the front door of the store: nothing more. I immediately asked the store manager, Marco Bassi, if they had made their own masks for the main movie, which were displayed on one of the walls of the shop. He responded with a terse and full of pride, “yes!”. After a moment of hesitation, I asked if there was a willingness to participate in an interview about their work. I immediately asked the existence of some documents (invoices, fax or photos) attesting their collaboration with Kubrick’s Production. Marco told me that there was material to demonstrate this involvement and that more information could be sought from Franco and Francesca Cecamore, his friends and members of “Il Canovaccio”. And so it happened. Back in Milan I contacted, via email, Francesca who had known for many years a person who turned out to be crucial in the contact between Cecamore and Kubrick’s Production. Josie Sherabayani, a co-worker in the 80s, had decided to return to London and set up a masks shop. This business activity, which was located in the JOKA SHOP 1London Borough of Camden Town, was called “Joka Masks” and remained active from 1991 to 2000. According to the testimony of Josie, in this shop, in 1997, peeped coincidentally the Eyes Wide Shut costume designer Marit Allen, who bought the mask worn by Tom Cruise in the movie. Originally from Marco Bassi in Venice and then from Josie by mail sent to me on 10/23/2012, I listened to a little funny anecdote about the relationship that Tom Cruise had with his mask. In January 1998, Stanley Kubrick phoned the store of Ms Sherabayani in Camden. Here is her account of the phone call : “After a couple of months I got a call from Stanley Kubrick, which was quite a surprise. He asked me if there was anyway that I could make the nose space inside the mask bigger, as Tom Cruise was complaining about how uncomfortable the mask was. The Mask was from Kartaruga and was a normal male “volto”, beautifully decorated. I explained that there was no way I could make the nose space bigger as the mask was not very thick. I suggested that I could take a mould of Tom Cruise's face and recreate a similar mask. Stanley liked this idea though he did keep moaning about his fussy actors. It was an honor for me to speak to Mr Kubrick. A couple of weeks later he decided that his main actor did not need to have the mould made, which I have to say was a relief to me as I was quite nervous about covering Tom Cruise in plaster!” In Josie’s story there is a small but important detail. The brand that created the masks for the film, in fact, was, and is, Kartaruga, not “Il Canovaccio” although this shop had been the meeting place between the Cecamore and the production of the film, as we shall see later.
Before continuing the story of the elements on the masks of the film, there are some details that I would like to clarify. The filming of this documentary was conducted on two separate occasions. At first, in fact, I went alone to Venice on November the 7th 2012 to record the interview with Franco and Francesca Cecamore and Marco Bassi. However, I soon realized that the information and documents that I was able to recover should be managed with professional technical support. For this reason, I asked and obtained from Cecamore a second interview managed, on this occasion, with professional tools. On April 13th 2013, therefore, I went to the “Il Canovaccio” to re-record the interview with a small crew who transformed this project into a real documentary. The decision to make a second trip was motivated by a question that Franco Cecamore confided to me in the first interview in November. The model that was used for the mask worn by Tom Cruise was a 28 year old Viennese girl named Gabi, aka Gabriel Jallits (see photo at right). The most amazing coincidence resided in the fact that the story Dream Story (Traumnovelle , 1926), whichGaby 2 Kubrick had taken the script, took place in Vienna and its author, Arthur Schnitzler was born, himself, in Vienna. Precisely for this reason, I asked Franco Cecamore to recover the photographs of the model and all materials such as, for example, preliminary sketches from which he created the masks (see photo below: Mask of Tom Cruise). In the documentary a scene has been inserted in which Francesca Cecamore presents some basic documents to prove the involvement of “Il Canovaccio” in the Eyes Wide Shut Production. These documents have made it possible to reconstruct the exact dynamics of the visits that Jan Harlan, the producer of all Kubrick films since A Clockwork Orange (1972), made to the Cecamore’s workshop. During this visit, Harlan was accompanied by a person whose name Cecamore could not remember. It was thanks to Filippo Ulivieri “ArchivioKubrick.it” site manager and author of the book dedicated to Emilio D’Alessandro Kubrick's personal assistant (Emilio D’Alessandro con Filippo Ulivieri, Stanley Kubrick e me. Trent’anni accanto a lui. Rivelazioni e cronache inedite dell’assistente personale di un genio, Il Saggiatore, Milano, 2012), we were able to trace the identity of the woman who mistakenly was identified by Franco as Marit Allen: it was, in fact, Edda Del Greco who, along with her sister Barbara, with whom she had worked since 1996, to recover most of the costumes of the film, especially those concerning the Masonic-orgiastic masked ball. Jan Harlan, accompanied by Del Greco, made a visit to the workshop of “Il Canovaccio” to buy six masks on June the 26th 1997. Thereafter, on July the 4th 1997, five more masks were bought. But the most significant purchase was made on September the 18th 1997, or rather two days before the start of shooting of Eyes Wide Shut: Jan Harlan, in fact, bought fifteen masks including one worn by Tom Cruise, the one worn by the mysterious woman and the one worn by Leon Vitali. Francesca Cecamore told me that Vitali’s mask was especially requested in gold colour by Jan Harlan. The mask worn by the mysterious woman who saves Bill Harford from the clutches of the Masons is another work of Franco Cecamore who wanted to pay homage to the ritual masks of the Incas. All three main forms of the film were created in the years 1985-1986 and thus were not created just for the film.

Massimiliano Studer

Imagine 428

This introduction was traslated, from Italian language, by: Massimiliano Studer (Italy), Tony Bridges (Australia) and Josie Sherabayani (England)

Here, finally, the authors of the documentary.
Filippo Biagianti: shooting, editing and directing.
Massimiliano Studer: processing applications, conducting interviews and co-directed.
Emiliano Malinverni and Matteo Studer: sound engineers in real time.
Carolyn Burke: English subtitles

MUSIC
Escher53 Pitch Dark by Matteo Daffi and Massimo Leonardi
Be Inspired by Podington Bear
Magpie by Podington Bear
New England is Interesting by BOPD

 

IMG 0681
From left : Franco Cecamore, Francesca Cecamore and Marco Bassi.

http://kartaruga.it/

(Licenza Creative Commons·Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia)

CC-BY-NC-SA

 

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (IL DOCUMENTARIO LE MASCHERE DI EYES WIDE SHUT_SITO.pdf)IL DOCUMENTARIO LE MASCHERE DI EYES WIDE SHUT_SITO.pdfLa storia del documentario di Eyes Wide Shut. Di Massimiliano Studer627 kB

Gaglianone prima pagina

CONVERSAZIONE CON DANIELE GAGLIANONE. Di Filippo Biagianti e Aelfric Bianchi

Fine giugno 2013. La 49a edizione della mostra del nuovo cinema di Pesaro è appena iniziata. Ci ritroviamo tutti di fronte al cinema sperimentale per la prima giornata di workshop con Daniele Gaglianone. Siamo otto in tutto,  Il tempo delle presentazioni di rito e si comincia. L’Enfant dei fratelli Dardenne è la prima proiezione della giornata. Si analizza la sceneggiatura, la costruzione delle scene. L’approccio diretto e realista dei Dardenne. Chiude la mattinata un’approfondita analisi della costruzione di alcune scene del documentario Rata nece biti (La guerra non ci sarà), realizzato nel 2011 dallo stesso Gaglianone. Si cerca l’ispirazione per l’idea su cui realizzare il corto che dovrà essere girato durante il workshop. Il pomeriggio prosegue cercando di costruire una sorta di sceneggiatura su cui basare le riprese da effettuare nei giorni seguenti. L’idea è quella di raccontare la città Pesaro attraverso i suoni della sua quotidianità. Arrivano l’operatore il fonico e la segretaria di edizione, tre ex studenti del centro di formazione e produzione cinematografica OffiCine Mattòli di Tolentino. Dopo alcune difficoltà tecniche con il monitor che non vuole collaborare e la batteria della camera Sony che sembra essere perennemente scarica, iniziano le riprese. Io seguo il gruppo con la mia Canon cercando di fare un po’ di backstage e alla bisogna facendo anche da seconda camera. La prima location è il Teatro Rossini, il nostro viaggio nei suoni di Pesaro non può che cominciare dal teatro che porta il nome del grande musicista pesarese. L’approccio scelto per il cortometraggio è quello sperimentale ... una cassa amplificata da concerto che portata in giro per la città su un improbabile carrello amplifica i suoni e le eventuali contraddizioni del contesto urbano, raccontandone così anche la storia. Un percorso che partito dal principale teatro cittadino, passando per i laboratori di musica elettronica del Conservatorio Rossini non poteva che concludersi sulla spiaggia del litorale adriatico, dove anche la mia Canon decide di lasciare la terraferma per effettuare una soggettiva dal punto di vista delle onde, sostenuta dalle esperte mani del maestro Gaglianone. workshop2013 46Le riprese sono finalmente ultimate, e anche la mostra del nuovo cinema volge al termine, siamo arrivati a sabato e il cortometraggio deve essere montato entro le 21 per la proiezione in piazza prima della premiazione dei film in concorso. Siamo tutti in una saletta predisposta per l’occasione all’interno del Cinema Teatro Sperimentale, tutti seduti davanti all’iMac dove la nostra opera audio visiva sta prendendo forma. È dall’inizio del workshop che aspetto l’occasione giusta per intervistare Gaglianone .. e sono già un paio di giorni che la mail di Aelfric Bianchi con le domande per l’intervista giace nella mia casella della posta non letta. Stampo le domande per l’intervista e, approfittando della pausa pranzo, passo il foglio a Daniele chiedendo se è disponibile per fare una chiacchierata di fronte alla telecamera. Non c’è problema. Organizzo il set in piazza del Popolo ... tra le sedie messe li per le proiezioni in piazza ... riesco ad avere l’aiuto di due compagni di corso, uno come fonico di presa diretta, l’altro come seconda camera. Daniele dà un’ultima occhiata al foglio stampato con le domande. Si parte. La conversazione può iniziare. Qui sotto potrete vedere il corto realizzato durante i 5 giorni di workshop: Pesaro 563 secondi. Buona visione e mi raccomanda non andate a vedere i film di Muccino.

Di seguito le domande, elaborate da Aelfric Bianchi, con cui è stata realizzata l’intervista

L’annosa dicotomia caratteristica della cinematografia italiana tra film commerciali di grande successo popolare ma snobbati dalla critica e film d’autore spesso condannati a una scarsa distribuzione e relegati in una posizione di nicchia sembra oggi in fase di superamento grazie a nuovi modelli di produzione che, pur non rinunciando alle ambizioni artistiche e a un forte impegno culturale e sociopolitico, mirano, anche in virtù di una marcata componente spettacolare e al ricorso a interpreti di notevole richiamo, a conquistare platee più ampie di spettatori. Come e in che termini collochi Ruggine in questo contesto, che a certi livelli sembra modificare concetto e struttura del cosiddetto film d’arte?

Analoghe trasformazioni sono in atto da qualche tempo anche nel cinema di Bollywood, che, grazie ad attori e a registi attivi in India e all’estero, offre prodotti sempre meno associabili a prima vista allo stereotipo deimasālā movies, dei quali utilizzano strutture e schemi per istanze e obiettivi impegnati e impegnativi. Alla luce del tuo interesse per le cinematografie “altre”, ritieni che tale orientamento rientri in una logica di globalizzazione o vada invece ricondotto a una specifica realtà locale?

Sotto la dizione di documentario – un filone sempre più coltivato, frequentato e diffuso – si raccoglie oggi una straordinaria varietà di sottogeneriworkshop2013 37 talora antitetici e quasi inconciliabili tra loro. Inteso spesso come pura illustrazione o documentazione di fatti e personaggi, accadimenti o situazioni, è a volte una reinterpretazione creativa, se non addirittura una reinvenzione mirata a obiettivi ideologici e sociopolitici di fenomeni celati e sotterranei che si vogliono porre in primo piano o “denunciare” esplicitamente. In altri casi si propone invece quale strumento per tradurre in immagini una propria visione del mondo. Sempre più spesso, in ogni caso, sembra offrirsi come mezzo per misurarsi in tempo reale con una “liquidità” che si sottrae alle vecchie logiche universalistiche per imporre sconcertanti modelli di relativismo: una sorta di analisi n vitro concentrata sulla mutevolezza costante di un particolare non generalizzabile, il cui simmetrico, a livello popolare, è forse rintracciabile per paradosso nel modello del reality show. Come collochi e come concili in questo contesto la tua attività di filmmaker, oscillante tra fiction e non fiction?

In che misura gioca in opere come Pietro e Ruggine il sovrapporsi e intersecarsi del soggettivo all’oggettivo, ossia l’incrocio e lo scambio tra l’occhio che guarda (e la cinepresa che riprende) e il fenomeno osservato, selezionato e ripreso in diretta, che caratterizza i tuoi documentari?

 

Regia, montaggio e conduzione intervista: Filippo Biagianti. 

Domande elaborate da: Aelfric Bianchi. 

Riprese: Filippo Biagianti e Giacomo Pecci.

Fonico presa diretta: Agostino Devastato. 

Foto di scena: Filippo Biagianti

(Licenza Creative Commons·Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia)

CC-BY-NC-SA

MoniOvadiaPesaro

Conversazione con Moni Ovadia. I fratelli Marx, la Shoah e la questione palestinese. Di Filippo Biagianti

Pesaro 13 gennaio 2013, Teatro Rossini ore 19. Coadiuvato da due miei allievi dell'Accademia di Belle Arti di Urbino, sono sul palco a sistemare il set per l'intervista .. illuminazione, sedie, telecamere, micorfoni. Moni Ovadia arriva puntuale, lo spettacolo “Il registro dei peccati” è fissato per le 21, abbiamo i minuti contati per effettuare la nostra chiacchierata prima del suondcheck.

OvadiaUno

Ovadia è subito disponibilissimo, si siede, spalle alla platea. Inizia l'intervista.

Teatro_PesaroLa conversazione parte dall'Obraz...l'attore drammaturgo negli anni '70 è a Milano e all'Obraz Francesca Bandel Dragone, per anni traduttrice ufficiale di Anthony Burges, in quel periodo traduce ed adatta i film più conosciuti dei Fratelli Marx, eredi della comicità dissacrante e anarchica della cultura yiddish. Non ostante Ovadia, profondo conoscitore della cultura yiddish, all'epoca non ebbe modo di contribuire alla traduzione, l'arte comica dei Fratelli Marx diventa il filo conduttore di tutta l'intervista. Un umorismo originale, unico che da sempre ha contraddistinto la tradizione ebraica, ma che come radice scomoda, è stato nel tempo volutamente dimenticato in favore di un'immagine diversa della cultura ebrea, quella Israeliana, fatta di nazionalismo, guerra, paura.
Dopo più di mezz'ora, l'intervista che era iniziata con due storielle surreali tipiche della tradizione comica delle corti rabbiniche si chiude con una citazione perentoria di Primo Levi, gli estremi si sono toccati. Mancano 20 minuti all'inizio dello spettacolo. Ovadia fa partire il suondcheck con l'unico microfono presente sul palco. Noi lasciamo il teatro.

Filippo Biagianti (sinistra) e Andrea Solomita (destra) http://www.carcano9138.it/

Filippo_Biagianti_Moni_Ovadia Andrew_Moni_Ovadia

Regia, montaggio e conduzione intervista: Filippo Biagianti

Domande elaborate da: Massimiliano Studer e Filippo Biagianti

Riprese: Andrea Solomita e Francesco Rodan Fabbri, allievi del corso di Video Editing - I anno Visual e Motion Design -·Accademia di Belle Arti di Urbino

Post-produzione e Grafica: Andrea Solomita

Foto di scena: Francesco Rodan Fabbri

(Licenza Creative Commons·Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia)

CC-BY-NC-SA

 

CineQuote

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

Trovaci su Facebook

Video

CIRO GIORGINI ON TOO MUCH JOHNSON (ENG SUBS)
Video

CIRO GIORGINI ON TOO MUCH JOHNSON (ENG SUBS)

The interview we are presenting is a short version of a two-hour meeting at Ciro Giorgini’s h…

216785
CIRO GIORGINI ON TOO MUCH JOHNSON (ENG SUBS)
Video

CIRO GIORGINI ON TOO MUCH JOHNSON (ENG SUBS)

The interview we are presenting is a short version of a two-hour meeting at Ciro Giorgini’s h…

216785
EYES WIDE SHUT MASK
Video

EYES WIDE SHUT MASK

What follows is an account of events that occurred for the realization of our documentary. This…

216798
DAVIDE FERRARIO: IL CINEMA DI ORSON WELLES
Video

DAVIDE FERRARIO: IL CINEMA DI ORSON WELLES

In vista dello Speciale dedicato ad Orson Welles, siamo riusciti ad intervistare il regista, sc…

201887

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy