Sep 20, 2019 Last Updated 9:46 AM, Sep 4, 2019

LA GRANDE (ASSENZA DI) BELLEZZA. IL MANIERISMO VUOTO DI PAOLO SORRENTINO

Categoria: NUOVE RECENSIONI
Visite: 6007 volte

LA GRANDE (ASSENZA DI) BELLEZZA. IL MANIERISMO VUOTO DI PAOLO SORRENTINO

Sebbene si affanni a negarlo, è fin troppo chiaro che Sorrentino ha concepito La grande bellezza come una sorta di Dolce vita del nuovo millennio. Sorrentino cerca di emulare Fellini ma rimane molto al di sotto di Fellini. La distanza incolmabile fra Sorrentino e Fellini è misurata da un aggettivo: “felliniano”. Lo stile di Fellini era talmente originale, personale, inimitabile, che per definirlo è stato necessario coniare un aggettivo derivato dal suo cognome. Lo stesso vale per Antonioni ed altri grandi registi italiani dell’epoca d’oro del cinema italiano. Invece, non esiste uno stile “sorrentiniano”: lo stile di Sorrentino è infatti una sintesi eclettica di tratti stilistici, spunti ed idee prese da tanti registi diversi, specialmente da Fellini e Malick. Sicuramente è possibile conciliare eclettismo ed originalità, ma Sorrentino di originalità non ne ha molta. Di Giovanna Jacob

Trailer francese

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (LA GRANDE (ASSENZA DI) BELLEZZA. IL MANIERISMO VUOTO DI PAOLO SORRENTINO_Giovann)LA GRANDE (ASSENZA DI) BELLEZZA. IL MANIERISMO VUOTO DI PAOLO SORRENTINO_GiovannLa grande bellezza di Paolo Sorrentino attraverso un confronto con il cinema di Federico Fellini. Di Giovanna Jacob308 kB

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy