May 22, 2022 Last Updated 10:19 AM, Oct 14, 2021

NUOVE RASSEGNE

RASSEGNE DEL NUOVO MILLENNIO

E’ la sezione che riguarda grosso modo un ventennio: gli anni ’90 come preambolo di fine secolo e fine millennio; gli anni inizio 2000 fino al 2011 e oltre, cioè il cinema della globalizzazione. Per questa ragione, pur non trascurando le rassegne delle cinematografie nazionali, cureremo con molta attenzione rassegne che possano attraversare tutto il globo terraqueo o parte di esso, andando al di là di questioni di gusto. L’obiettivo principale dunque è, conoscere attraverso il cinema che cosa sta accadendo e che cosa ci potrebbe capitare, tra capo e collo, quando meno ce l’aspettiamo. Infatti chi ha presente El· Angel esterminador di Luis Buñuel sa che spesso il cinema, senza volerlo, è profetico. In questo senso è quasi ovvio annunciare una rassegna sulla “Rivoluzione araba” e una sulle “Ombre oscure del III millennio” (titoli provvisori).

LA RIVOLUZIONE ARABA: DAL MESSAGGERO DI DIO A TAHRIR SQUARE

LA RIVOLUZIONE ARABA: DAL MESSAGGERO DI DIO A TAHRIR SQUARE

Questa è una rassegna che è stata concepita sotto il segno di varie “Lezioni di Storia”. Sul tema cinema e storia dovremo presto ritornare perché esso è sempre d’attualità in ambito scolastico ed educativo. Lo spettacolo di storia mondiale in diretta offerto, all’inizio di quest’anno, da Tahrir Square ci ha costretto a pensare e ripensare il ruolo della civiltà araba nel mondo moderno. Mondo moderno e contemporaneo sempre più occidentalizzato ed europeizzato, ma, nel giro di pochi anni, con l’avvio del terzo millennio non più tanto sicuro dell’egemonia planetaria. La “rivoluzione” dei giovani arabi si è caratterizzata per le sue armi occidentali: Facebook e Twitter. Ma a ben vedere in occidente questa armi hanno funzionato in modo spesso obliquo a livello elettorale, in modo veramente incisivo in senso rivoluzionario solo nel caso di WikiLeaks. Di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (La rivoluzione araba_da The Message a Tahrir Square.pdf)La rivoluzione araba_da The Message a Tahrir Square.pdfLa rivoluazione araba: Il messaggero di Dio, Il Destino, Karthoum, Il vento e il Leone, Lawrence d’Arabia, Il Leone del Deserto, La battaglia di Algeri, L’altro, Io, l’altro, Le Chaos e Microphone557 kB

FUKUSHIMA, MON AMOUR! OVVERO AMORE/ODIO PER IL NUCLEARE NEL CINEMA DAL PRIMO DOPOGUERRA AD OGGI

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

FUKUSHIMA, MON AMOUR! OVVERO AMORE/ODIO PER IL NUCLEARE NEL CINEMA DAL PRIMO DOPOGUERRA AD OGGI

Mettere a fuoco e ordinare con un minimo di coerenza film per presentare, organizzare,  vedere (magari soltanto in casa propria) una rassegna sul tema dell’energia nucleare, oggi è da considerarsi Mission impossible. Noi ci abbiamo provato selezionando venticinque film, seguendo un percorso logico e storico. Ma prima ancora di iniziare la ricerca,  abbiamo dovuto prendere atto di un fatto storico evidente che, in genere, si trascura: il problema nasce con la Seconda Guerra Mondiale, non prima. Inoltre nella cultura di massa post bellum una frase famosa condiziona tutto e tutti. La frase di Albert Einstein,  detta poco prima di morire: “Allo stato attuale delle cose, la Quarta Guerra Mondiale sarà combattuta con i sassi e le clave!”. di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Fukushima mon amour!_Alessandro Studer.pdf)Fukushima mon amour!_Alessandro Studer.pdfFukushima, mon amour! Ovvero amore/odio per il nucleare nel cinema dal Primo Dopoguerra ad oggi. Il ragazzo dai capelli verdi, Un bacio e una pistola, Radiazione BX distruzione uomo, Il villaggio dei dannati, Hallucination, Sindrome cinese, Silkwood,642 kB
 
 

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy