Jul 17, 2019 Last Updated 9:11 AM, Jul 17, 2019

MUCH LOVED (زتن لي فيك)

Categoria: NUOVE RECENSIONI
Visite: 2113 volte

Much Loved

Sono bastati il trailer e pochi spezzoni di Much Loved l’ultimo film di Nabil Ayouch, per dividere il Marocco e scatenare sui social network analisi, giudizi, critiche e minacce di morte: addirittura una pagina Facebook che inneggia all’esecuzione di Loubna Abidar, l’attrice protagonista, ha ottenuto 4.000 “mi piace” in poche ore e pochi giorni dopo è stata aggredita. Il 25 maggio un comunicato del Ministro della Comunicazione Mustapha El Khalfi (il governo è guidato dal partito islamista Giustizia e Sviluppo- Pjd) ha vietato la proiezione in tutto il Marocco dopo che alcuni esperti del CCM (Centro cinematografico marocchino) hanno visionato il film al Festival di Cannes sostenendo che il film mostra “un grave disprezzo per i valori morali e la donna marocchina e un palese attacco all'immagine del Regno”. Much loved racconta la vita quotidiana di Noha, Randa, Soukaina e Hlima, quattro prostitute che devono destreggiarsi tra ricchi sauditi spilorci con in una mano il sub7a (il rosario mussulmano) e nell’altra l’alcool, neri superdotati, poliziotti ricattatori, famiglie lontane o che le allontanano, droghe, lesbiche e transessuali: l’elemento iterativo sono le scene di sesso anche violento ed estremo, con primi piani insistiti e zoom su dettagli.

Di Monica Macchi

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (MUCH LOVED_MONICA_MACCHI.pdf)MUCH LOVED_MONICA_MACCHI.pdfIl film marocchino osannato al Festival di Cannes che ha scosso il Marocco: di Monica Macchi682 kB
 
 

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy