Feb 23, 2020 Last Updated 1:40 PM, Oct 11, 2019

DUE GIORNI CON LENI RIEFENSTAHL, A MILANO

Visite: 3098 volte

È veramente singolare come ci accadano gli episodi nella vita. Nel 1996 collaboravo con l'editore Leonardo Mondadori che, per farla breve, mi incaricò di prendermi cura di una anziana signora, raccomandandomi attenzione e riservatezza. Mi chiese se conoscessi di fama Leni Riefenstahl... La conoscevo eccome: come potevo non conoscere la grande regista e musa del nazionalsocialismo? Il mio interesse per il cinema me l'aveva fatta incontrare spesso: Il Trionfo della volontà, Olympia, insomma tutto il repertorio, compresi naturalmente i giudizi politico/morali che accompagnavano il personaggio. Gli dissi anche che, non sentendone parlare  da parecchio tempo, pensavo fosse morta. Mi rispose che invece era viva e arzilla e che l'avrei incontrata presto. La casa editrice Leonardo Arte avrebbe pubblicato il catalogo di una mostra fotografica che comprendeva una ventina di scatti della Frau in questione. “Anche fotografa” pensai!

Di Francesco Azzi

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (DUE GIORNI CON LENI RIEFENSTAHL, A MILANO_FRANCESCO AZZI.pdf)DUE GIORNI CON LENI RIEFENSTAHL, A MILANO_FRANCESCO AZZI.pdfBreve ritratto di Leni Riefenstahl quando visitò Milano nel 1996. Di Francesco Azzi130 kB

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy