Oct 28, 2020 Last Updated 1:21 PM, Sep 14, 2020

Chi siamo

LINEA EDITORIALE

lineaedit

PER UNA NUOVA CRITICA DEL GUSTO CINEMATOGRAFICO

Il sito Forma Cinema si definisce come progetto editoriale che, attraverso la presentazione di schedature di film-cult, saggi di approfondimento, interviste e articoli d'attualità, si augura di poter offrire allo spettatore contemporaneo, specialista o appassionato, un utile strumento di spunto e di confronto. Forma Cinema non ha intenti enciclopedici ma, all'interno dell'incommensurabile numero di opere, intese in senso ampio (film, libri, trasmissioni televisive etc), del presente e del passato che la società globalizzata di oggi mette a disposizione, propone titoli, tematiche e nuclei problematici. Il sito nasce con l’obiettivo di diventare un centro di ricerca e studio del linguaggio cinematografico in tutti i suoi aspetti e, al tempo stesso, un punto di riferimento e di aggregazione di diverse esperienze culturali.

I fondatori del sito hanno voluto rendere omaggio ad S. M. Ėjzenštejn attraverso il titolo Forma Cinema. La forma cinematografica (pubblicato in inglese con il titolo Film Form) è considerato una delle letture più significative del grande teorico e regista sovietico per chi è interessato a conoscere le caratteristiche fondamentali dell’arte cinematografica. Oltre ad Ėjzenštejn molti saranno, tuttavia, i referenti teorici presenti nei nostri contributi scritti.

Il nostro sito, attraverso attività individuali e collettive, intende raccogliere le sfide che il film e le arti visive, oggi come ieri, suggeriscono agli spettatori critici, ponendoli di fronte a quesiti che riguardano il  loro rapporto con la propria identità e, più in generale, con la realtà. Ogni film o opera visiva, può diventare uno straordinario strumento conoscitivo, uno specchio che riflette e fa riflettere, su cui ciascuno, attraverso la simultanea attività degli organi percettivi, interiorizza e proietta più o meno consapevoli nuclei di senso.

Accogliendo la natura proteiforme del cinema Forma Cinema si configura idealmente come un sito in cui il work in progress presuppone un contributo collettivo, plurale, interculturale e internazionale: la possibilità che la rete offre di essere interconnessi con nodi anche molto distanti da noi rappresenta un ulteriore elemento di ricchezza, oltre che un'occasione di crescita. Per questo motivo in Forma Cinema trovano sede contributi che afferiscono ai diversi ambiti disciplinari che, in modo sporadico o abituale, incrociano l'orbita evanescente della “settima arte”.

L'auspicio è che il lavoro di Forma Cinema possa incuriosire, interessare e divertire il lettore in modo analogo a come ha motivato i suoi collaboratori a dar vita a questa iniziativa.

I TESORI WELLESIANI DI PORDENONE

Welles Il Mercante di Venzia Shylock sitoIl Mercante di Venezia © Oja Kodar _ Cinemazero _ Filmmuseum München

I TESORI WELLESIANI DI PORDENONE

L’Associazione Culturale Formacinema, in collaborazione con  Cinemazero, Le Giornate del Cinema Muto e Apollo spazioCinema, presenta a Milano i tesori di Orson Welles ritrovati a Pordenone. Il Mercante di Venezia (1969), Too Much Johnson (1938) e un estratto dal film Portrait of Gina, tutti contenuti in una cassa di proprietà del cineasta americano, riapparsi miracolosamente a Pordenone, saranno presentati a Milano in un'unica ed esclusiva serata evento.

Sala Gea Cinema Apollo di Milano, mercoledì 4 novembre 2015 ore 20.00.

Presentano l'evento: Paolo Mereghetti (Corriere della Sera), Luca Giuliani (Cinemazero - Responsabile restauro Il Mercante di Venezia) e Massimiliano Studer (Formacinema).

Il 6 maggio 2014, Formacinema aveva organizzato al cinema Anteo la proiezione di Too much Johnson (1938). Il film inedito di Orson Welles, riconosciuto dal compianto Ciro Giorgini, era stato rinvenuto in una cassa a Pordenone. Dentro questo magico contenitore c'erano altri tesori che Formacinema ora presenta ai cittadini milanesi. Questi tesori dimostrano, in maniera incontrovertibile, il genio poliforme di Welles. Teatro, Cinema e Televisione si intrecciano e si mescolano in maniera inaspettata. Questa serata evento del 4 novembre 2015 è un concreto esempio della capacità del cinema di fare cultura all'interno di spazi ubicati nel cuore di una città. Il cinema Apollo rischia la chiusura entro il 2016. Formacinema si impegna da sempre a diffondere la cultura cinematografica e ha voluto con questa serata omaggiare la storica sala dell'Apollo che è l'unica struttura del centro di Milano che offre cinema, non inteso come intrattenimento ma come forma di spettacolo culturale. Formacinema desidera ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile l'organizzazione di questo evento: Riccardo Costantini e Luca Giuliani (Cinemazero), Livio Jacob e Giuliana Puppin (Le Giornate del Cinema Muto di Pordenone), Sergio Oliva e Donata Miceli (SpazioCinema).

IL MERCANTE DI VENEZIA (1969)Welles Il Mercante di Venezia Trogir HR sitoIl Mercante di Venezia © Oja Kodar / Cinemazero / Filmmuseum München

“Il ruolo che davvero sogno di interpretare è l'ebreo di Shakespeare. Io sono cristiano (non che la cosa importi), ma ho sempre sentito una certa affinità verso Shylock e vorrei raccontare questo mio sentimento al pubblico”.
Orson Welles.

Questa riduzione dell'opera di Shakespeare doveva essere uno degli episodi di una trasmissione televisiva per la CBS con ritratti di alcune capitali europee fra cui Londra, Vienna e Venezia. Orson Welles in persona mentre si prepara a entrare nel personaggio e cura personalmente il trucco, introduce lo spettatore alla natura di Shylock e dell'opera. Con un classico movimento fra realtà e finzione lo vediamo accogliere la richiesta di Bassanio e dopo aver salutato la figlia Jessica, prepararsi strada facendo in mezzo al carnevale, all'incontro con Antonio al termine del quale suggella il riscatto di una libbra di carne. Nel mentre Lorenzo approfitta per fuggire con Jessica verso il regno di Belfort. Al suo rientro Shylock troverà l'amara sorpresa, la sparizione della figlia e dei suoi averi. Il servo Tubal a breve gli porterà notizie da Genova sia della figlia sia dell'affondamento di tutte le navi di Antonio e dunque della sua conseguente rovina. Shylock manda subito Tubal a chiamare un ufficiale giudiziario per riscuotere il riscatto e incalzato da alcuni passanti termina l'episodio con il celebre monologo sulla differenza fra ebrei e cristiani e sul senso della sua vendetta.

VICENDE PRODUTTIVE E STORIA DEL RITROVAMENTO

Welles Il Mercante di Venzia Shylock per le calli sitoIl mercante di Venezia, film incompiuto considerato universalmente perduto torna a nuova vita grazie al ritrovamento nel 2015 di nuovi materiali da parte di Cinemazero (Pordenone). Buona parte del film era stata consegnata diversi anni or sono da Oja Kodar, attrice, musa ispiratrice e ultima compagna di Orson Welles, al Filmmuseum München. Unendo i materiali dell'archivio tedesco a quelli ritrovati da quello friulano, aggiungendovi alcune scene conservate dalla Cineteca di Bologna, dopo un accurato lavoro di ricerca (La Cinémathèque Française; Paris Mercury Theatre Productions, New York; Special Collections Library at the University of Michigan, Ann Arbor), si è potuti arrivare a realizzare una ricostruzione del film puntando a una versione che fosse il più possibile simile a com'era stato pensato e realizzato nella sua ultima versione da Orson Welles all'epoca. Linea guida del lavoro è stato lo script originale del regista, recentemente ritrovato. Per la ricostruzione si sono consultati tutti i materiali disponibili: l'album (registrato fra il 27 Luglio e il 14 settembre, 1938) tratto dall’edizione del suo "Everybody’s Shakespeare" e illustrata con un disegno della edizione a stampa, la sua apparizione al “Dean Martin Show” (14 settembre,1967), senza tagli, un frammento di un adattamento cinematografico del 1969, che non è mai uscito, e diversi estratti inutilizzati del monologo di Shylock che girò durante le riprese de “La Decage Prodigeuse” di Claude Chabrol in Francia (1971) e durante i sopralluoghi per le riprese di “The Other Side Of the Wind” in Spagna (1973).

TOO MUCH JOHNSON (1938)

06

Too much Johnson  © George Eastman House / Cinemazero / La Cineteca del Friuli

Mercury Theatre, USA, B/N, 66’, 1938) (copia lavoro). Regia: Orson Welles; soggetto: dalla pièce di William Gillette (1894); fotografia: Harry Dunham; montaggio: Orson Welles; prod: John Houseman, Orson Welles; cast: Virginia Nicholson [Nicolson] (Leonora Faddish), Guy Kingsley (Henry Mackintosh), Eustace Wyatt (Francis Faddish), Arlene Francis (Mrs. Clairette Dathis), Joseph Cotten (Augustus Billings), Herbert Drake (a “Keystone Kop”), Marc Blitzstein (passante), Ruth Ford (Mrs. Augustus Billings). Formato: HD. Senza didascalie.

Per una analisi del film si veda: Too much Johnson: l'anello mancante del cinema di Orson Welles

 

 

PORTRAIT OF GINA (1958)

 Portrait of Gina 02Portrait of Gina © Cinemazero / La Cineteca del Friuli

Nel 1958 Orson Welles decise di realizzare un documentario dedicato alla diva del cinema italiano Gina Lollobrigida e all'Italia: Portrait of Gina o Viva Italia. Il progetto doveva essere un episodio pilota per una serie televisiva chiamata Around the World with Orson Welles (Intorno al mondo con Orson Welles), che è anche il titolo di una serie Welles fece nel 1955 per la televisione commerciale britannica. Il film parla dell'Italia (la terza moglie di Welles, Paola Mori era di nazionalità italiana ed ebbe da lei una figlia, Beatrice), dove il regista ha vissuto e lavorato ad intermittenza per circa 20 anni (dal 1947 al 1970). L'immagine che ne veniva fuori illustrava sia aspetti negativi e positivi della cultura italiana. L'attrice Gina Lollobrigida, che viene intervistata alla fine del film, si è rifiutata di consentire il rilascio pubblico del film, a causa del ritratto che Welles ne fece di lei come di una ambiziosa e giovane attrice. Anche Vittorio De Sica, Rossano Brazzi, Anna Gruber Paola Mori, la moglie Welles, vengono brevemente intervistati, e il film-documentario si muove come un racconto dal montaggio rapidissimo, in stile Ejzenstejn: una forma visiva moto simile a quella che ritroveremo nel più maturo e meditato F for Fake (1974). Nella magica cassa di Pordenone, insieme a Too much Johnson e a Il Mercante di Venezia, è stato rinvenuto anche un lungo estratto di circa 5 minuti, non inserito nel montaggio finale del documentario, dell'intervista a Gina Lollobrigida che sarà presentato durante la serata del 4 novembre 2015. Da questo breve ed inedito estratto è stato possibile identificare il nome di uno dei cameraman di Portrait of Gina: Mario Bava.

Portrait of Gina 01 Portrait of Gina©Cinemazero / La Cineteca del Friuli

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (mercante-di.venezia.jpg)Poster serata ApolloI tesori wellesiani di Pordenone_Poster uffiiale47 kB

LE VIE DEL CINEMA 2015

le vie del cinema 2015

LE VIE DEL CINEMA 2015: FORMACINEMA E 50+1 FESTIVAL DEL CINEMA DI PESARO

In collaborazione con AGIS LOMBARDIA, PESARO FILM FESTIVAL e CINEMA BELTRADE

I film provenienti dal Pesaro Film Festival e presentati da Formacinema all'interno de Le Vie del Cinema 2015 sono i seguenti:

*** UN JEUNE POETE di Damien Manivel. Con Rémi Taffanel, Léonore Fernandes, Enzo Vassallo, Christophe Caballero
Francia, 2014, colore, 71', v.o. francese con sott.it., formato DCP.

Premio Lino Micciché per il Miglior film del Concorso 50+1 Pesaro Nuovo Cinema. Menzione speciale al 67° Festival di Locarno

in programma: Domenica 27 Settembre 2015 | ore 17.00 e 18.30 Alle proiezioni sarà presente, in collegamento via skype, Pedro Armocida Direttore del Pesaro Film Festival

CINEMA BELTRADE

*** PETTING ZOO di Micah Magee. Con Devon Keller, Kiowa Tucker, Deztiny Gonzales, Austin Reed. Germania, Grecia, USA, 2015, colore, 93', v.o. inglese sott.it., formato DCP. 

Premio del pubblico al 50+1 Pesaro Nuovo Cinema

in programma: Domenica 27 Settembre 2015 | ore 15.00  Alla proiezione sarà presente, in collegamento via skype, Pedro Armocida Direttore del Pesaro Film Festival

CINEMA BELTRADE

PER ACUISTARE I BIGLIETTI COLLEGARSI AL SITO: http://www.lombardiaspettacolo.com/

 Annuncio su Pedro al Beltrade 2015

 
 

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy