Jun 26, 2019 Last Updated 12:36 PM, Jun 20, 2019

PERFEZIONE, REALTA’ E FINZIONE: JOHN MCENROE E JULIEN FARAUT

Categoria: 54a MOSTRA 2018
Visite: 136 volte

mcenroelocandina 420x340

Il cinema non è immagine del movimento ma della durata,

di quanto manca prima della parola “fine”:

per me il cinema è l’invenzione del tempo

Serge Daney, direttore dei Cahiers du Cinema

 

Cosa sarebbe stata la mia vita

se avessi vinto sempre?

John McEnroe

 NOTA BENE: NEI FILE AUDIO SONO PRESENTI LA RISPOSTA DI JULIEN FARAUT (IN LINGUA FRANCESE) E, A SEGUIRE, LA TRADUZIONE DI ANNA RIBOTTA (IN LINGUA  ITALIANA) 

Vincitore del premio Lino Micciché per il miglior film del concorso per “aver realizzato un film ossessivo e sorprendente, di rara raffinatezza stilistica, che, attraverso un montaggio di materiali di repertorio insieme cinematograficamente radicale e filologicamente rispettoso, ci svela, sequenza dopo sequenza, l'intimità del suo protagonista” e della Giuria Studenti “per l'intelligente e stratificata esplorazione di linguaggi eterogenei, dal cinema allo sport, dalla didattica alla filosofia, sintetizzati in un'opera altamente innovativa che riflette sulla ricerca della perfezione e sull'ontologia dell'immagine in movimento”.

Il film si apre su immagini in bianco e nero tratte da un film didattico degli anni Sessanta dove tennisti che evocano il Monsieur Hulot di Jacques Tati provano a ricreare i diversi movimenti del servizio. Gil de Kermadec, allora direttore tecnico della Federazione francese di tennis, decide invece di catturare la realtà dinamica del gioco riprendendo da diverse angolature e ralenti le partite del Roland Garros per poi ritrarre singoli giocatori: l’argomento del 1985 era John McEnroe.

WhatsApp Image 2019 06 07 at 15.01.31

Julien Faraut

ASCOLTA QUI IL SUO PERCORSO “ATIPICO” 

 

stava lavorando negli archivi dell’Istituto Sportivo Nazionale di Parigi (un ente pubblico che dipende dal Ministero dello Sport) quando ha scoperto pile di bobine di making off, cioè di materiale scartato dal montaggio finale dei film didattici (tra l’altro mai passati nè in tv nè al cinema ma a disposizione delle Federazioni Sportive).

Ha così utilizzato e montato - senza cadere in gesti stereotipati- inquadrature e tagli particolari da queste immagini in un documentario d’archivio che sfugge a qualsiasi categoria di genere, un documentario su uno sport di solito fruibile dal vivo o in tv (oggi orientata ad una contabilizzazione dell’evento su base numerica  in una visione sempre più ossessionata dalle cifre) e che assume qui una forma intrinsecamente cinematografica imperniata sulla soggettività della persona estrapolando la realtà dalla finzione creata attorno al personaggio costruito da se stesso e dagli altri.

A partire dal titolo, ASCOLTA QUI LA SPIEGAZIONE DEL REGISTA 

 

si dipana una riflessione sul linguaggio cinematografico e sulle sue relazioni tra e con il tempo e la durata, ASCOLTA QUI LE RIFLESSIONI DEL REGISTA

ma anche sul ruolo della videocamera nella costruzione dell’immagine che gli altri hanno di noi (con una digressione su Tom Hulce che si è preparato per la parte in Amadeus di Milos Forman studiando proprio il comportamento di McEnroe in campo) e sulla sua capacità di modificare la realtà.

Spesso McEnroe chiede ai fotografi di ritirarsi e reagisce  con sensibilità esasperata ai suoni e ai cambiamenti d’atmosfera: e qui il documentario vira verso la psicologia clinica a partire dalla fulminea sentenza di Serge Daney “l’ostilità degli altri è la sua droga”. Viene così inanellata una pantomima autodistruttiva trasformata in un gioco sublime, percepiamo la collera, la lucidità strategica, l’iper-controllo, la voglia e la rabbia di fare sempre meglio in una gara contro se stesso (in tutte le immagini si vede un solo giocatore che sembra appunto giocare contro se stesso) fino alla confessione “dopo essermi laureato e avere vinto la Coppa Davis adesso posso vivere la mia vita”. McEnroe assurge a simbolo della New York degli anni Ottanta, di quell’energia, della sua tensione e del nervosismo ma anche dell’assoluta ed estrema creatività, valorizzate ed esaltate da una splendida colonna sonora che ne riprende la scena musicale  

ASCOLTA QUI LE SCELTE DEL REGISTA…E SCOPRIRAI PERCHE’ I RAMONES SONO STATI ESCLUSI 


E se “la terra rossa crea la fiction”, l’ultima parte del film diventa una scena teatrale: seguiamo minutaggio e cronaca della finale maschile tra McEnroe e Lendl,  e grazie ad immagini inedite in 16 millimetri caratterizzate da tessitura e grana particolarissima, si aprono visioni nuove su un evento di cui tutti conoscono l’esito.

ASCOLTA QUI COME IL REGISTA HA APPLICATO LA NOZIONE DI SUSPENCE MUTUATA DA HITCHCOCK


Un dramma diventa tragedia con l’ausilio di raffinate tecniche sonore in una sospensione del tempo che estrapola tutta la genialità del tennista in campo e della sua gestualità: ma è la realtà o McEnroe si trova già in un film?

Scheda tecnica

Titolo: John McEnroe: L’empire de la perfection (titolo internazionale: John McEnroe: In the realm of perfection)

Regista: Julien Faraut

Anno: 2018

Durata: 95'

Produzione: UFO Production

Produttori: William Jehannin, Raphaelle Delauche

Direttori di fotografia: Julien Faraut, Gil De Kermadec

Editor: Andrei Bogdanov

Musica: Serge Teyssot-Gay

Voce off: Mathieu Amalric

 

 

Ascolta 

 
 

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I più letti

DALL’UTOPIA DI CARMEN M. ALL’AUTOPSIA DI BOLSONARO: VIAGGIO NELL’IMMAGINARIO BRASILIANO CONTEMPORANEO

(RI) MONTAGGI 2019 - SCUOLA

20 Giu 2019 55a MOSTRA 2019

PERFEZIONE, REALTA’ E FINZIONE: JOHN MCENROE E JULIEN FARAUT

PERFEZIONE, REALTA’ E FINZIONE: JOH…

07 Giu 2019 54a MOSTRA 2018

SARAH E SALEEM: LÀ DOVE IL PRIVATO È POLITICA

SARAH E SALEEM: LÀ DOVE IL PRIVATO …

25 Apr 2019 NUOVE RECENSIONI

L’IMPOSSIBILE EREDITÀ DEL CITTADINO KANE*

L’IMPOSSIBILE EREDITÀ DEL CITTADINO…

15 Dic 2018 SPECIALE ORSON WELLES

Trovaci su Facebook

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy