Jul 19, 2018 Last Updated 8:19 AM, Jun 30, 2018

LUIGI PAINI

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Categoria: INTERVISTE
Visite: 4367 volte

Abbiamo intervistato nella sede di Milano de “Il Sole 24 ore”, Luigi Paini per parlare con lui di cinema, di critica del cinema e della sua esperienza con il gruppo dell’Obraz.

Laureato in Filosofia alla Cattolica di Milano, ha insegnato per diversi anni Lettere alle Medie inferiori e Storia e filosofia alle superiori. Collaboratore dell’inserto Domenica de “Il Sole 24 Ore” dal 1985, è stato assunto al quotidiano (Redazione Commenti) nel ’92. Attualmente è Caposervizio nella stessa redazione. È stato professore a contratto di Semiologia del cinema all’Università dell’Insubria di Varese; è professore a contratto di Arte e cultura all’Università Bocconi. Ha pubblicato il volume Cinema per Zanichelli (2000).

Luigi Paini gestisce un suo blog, Schermi a parte (http://luigipaini.blog.ilsole24ore.com/schermi-a-parte/chi-sono.html) dedicato al cinema.

A cura di·Massimiliano Studer

Ecco le domande che abbiamo rivolto a Luigi Paini.

1) Come sei venuto a conoscenza della sala dell’Obraz di Largo La Foppa?

Ascolta 

2) Hai mai collaborato con l’Obraz per qualche rassegna? Se si, per quale?

Ascolta 

3) Come hai vissuto la metamorfosi dell’Obraz dalla sua fondazione alla sua chiusura? Quali sono le differenze tra le schede/programmi dei primi anni e le due serie di Zuppa d’anatra?

Ascolta 

4) Che tipo di formazione ti ha dato il metodo usato da quelli dell’Obraz? Che segno ha lasciato nei giornalisti della tua generazione la frequentazione dell’Obraz?

Ascolta 

5) La chiusura della sala è passata in silenzio nei primi anni ’90. Adesso c’è un vuoto/silenzio profondo e assordante a Milano. Secondo te oggi, cioè ad aprile del 2011, la città di Milano è pronta ad accogliere un’esperienza simile a quella dell’Obraz? Che sia positiva o negativa la risposta, perchè?

Ascolta 

6) Oltre alla visione dei film all’Obraz quale teorico ha formato il tuo gusto cinematografico?

Ascolta 

7) Quali sono i limiti della critica cinematografica di oggi?

Ascolta 

8) In che modo, secondo te, i giovani possono formare il proprio gusto visivo così come facesti tu quando eri giovane?

Ascolta 

9)  Quali sono le parti del sito che ti sono piaciute di più? Come ti sembra il nostro progetto?

Ascolta 

Ascolta l'intervista completa (durata 42' e 22")

(Licenza Creative Commons·Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia)

cc-by-nc-sa

 
 

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I più letti

★ THE ULTIMATE VOYAGE THROUGH SPACE AND TIME

★ THE ULTIMATE VOYAGE THROUGH SPACE…

30 Giu 2018 54a MOSTRA 2018

ZERZURA: DESERTO ROSSO, DESERTO D’ORO

ZERZURA: DESERTO ROSSO, DESERTO D’O…

28 Giu 2018 54a MOSTRA 2018

SGUARDI RUSSI: IT’S NOT MY JOB (CUZAJA RABOTA) DI DENIS SABAEV

SGUARDI RUSSI: IT’S NOT MY JOB (CUZ…

21 Mag 2018 53a MOSTRA 2017

RIVOLUZIONE. ISTRUZIONI PER L’USO. A PROPOSITO DI IL GIOVANE KARL MARX

RIVOLUZIONE. ISTRUZIONI PER L’USO. …

05 Mag 2018 NUOVE RECENSIONI

INTERVISTA DI FORMACINEMA A WELLESNET.COM: A PROPOSITO DI TOO MUCH JOHNSON

INTERVISTA DI FORMACINEMA A WELLESN…

24 Mar 2018 SPECIALE ORSON WELLES

Trovaci su Facebook

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy