Sep 20, 2018 Last Updated 10:33 AM, Sep 19, 2018

★ THE ULTIMATE VOYAGE THROUGH SPACE AND TIME

Categoria: 54a MOSTRA 2018
Visite: 274 volte

 loc

 

L’uomo del Paleolitico guardava il cielo stellato
come oggi noi guardiamo il cinema
Alexander Kluge

ASCOLTA CHI E’ JOHANN LURF

Dopo una serie di corti sperimentali, molto apprezzati e premiati, come “Vertigo Rush”, titolo hitchcockiano per una serie di dolly zoom su scatti naturalistici abbinati a sonorità sinusoidali e sintetiche e “Kreis wr.Neustadt”, un giro in Vespa attorno a un centinaio di rotonde nel sud dell’Austria, follie ed orrori architettonici montate su marce grattate e rombi di motore, Johann Lurf ha girato il suo primo lungometraggio seguendo un’intuizione avuta anni prima mentre guardava “Stromboli” di Roberto Rossellini durante le lezioni di Harun Farocki

ASCOLTA COME E’ NATA L’IDEA 


550 film dal 1904 al 2017 in rigoroso ordine cronologico (in un progetto che prevede una continua espansione di anno in anno per aggiungere i film più recenti o inserirne altri dimenticati) ed elencati puntualmente nei lunghissimi titoli di coda: un found footage della volta celeste senza altri elementi che le stelle stesse, con l’orizzonte sgombro da qualsiasi altro elemento… linguaggio universale del cinema riproposto ed esemplificato dal segno grafico del titolo.


ASCOLTA PERCHE’ HA SCELTO UN SIMBOLO

Attingendo a ricordi personali e di amici, a testi, locandine e ricerche di archivio nelle cineteche, sono stati assemblati intere sequenze ma anche singoli fotogrammi di cieli stellati (con l’unico criterio selettivo di film disponibili in digitale in altissima risoluzione) senza mai alterarne le immagini, -né accellerandole né rallentandole, o mettendole maggiormente a fuoco - in una struttura creativa estremamente fluida per mostrare come il cielo cambi in base al tipo di film e al periodo storico, così come alle proiezioni e alle percezioni del singolo spettatore.
Nonostante l’approccio visivo-visuale sia assolutamente preponderante vi è nel montaggio una traccia musicale seguibile nel particolarissimo uso del sonoro che a sua volta passa da quello mono allo stereo al surround.

ASCOLTA L’UTILIZZO E GLI EFFETTI DEL SONORO


Un film che è anche un'esperienza immaginifica ed immersiva da gustare rigorosamente nel buio di una sala cinematografica ove “entrammo a riveder le stelle”.

Grazie ad Anna Ribotta per la preziosa traduzione

SCHEDA TECNICA
Regia: Johann Lurf
Title Designer: Katarina Schildgen &Paul Gasser
Sound Designer: Nils Kirchhoff
Colourist: Andi Winter
Lingue: Inglese, Giapponese, Francese, Tedesco, Russo, Spagnolo,Tedesco, Italiano, Svedese, Hindi, Finlandese, Norvegese, Bulgaro e Portoghese senza sottotitoli
Durata: 99’
Premi: Viennale 2017; Sundance Festival 2018; International Film Festival Rotterdam 2018

 

 
 

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I più letti

"A LAND IMAGINED", PARDO D'ORO 2018: FUGA VERSO UN MONDO SOLO IMMAGINATO

"A LAND IMAGINED", PARDO …

19 Set 2018 NUOVE RECENSIONI

AMÉRICA: ¡QUE VIVA MEXICO!

AMÉRICA: ¡QUE VIVA MEXICO!

16 Set 2018 54a MOSTRA 2018

 ATA TU ARADO A UNA ESTRELLA: L’UTOPIA COME FRAMMENTO D’ETERNITÀ

ATA TU ARADO A UNA ESTRELLA: L’UTO…

04 Set 2018 54a MOSTRA 2018

★ THE ULTIMATE VOYAGE THROUGH SPACE AND TIME

★ THE ULTIMATE VOYAGE THROUGH SPACE…

30 Giu 2018 54a MOSTRA 2018

ZERZURA: DESERTO ROSSO, DESERTO D’ORO

ZERZURA: DESERTO ROSSO, DESERTO D’O…

28 Giu 2018 54a MOSTRA 2018

Trovaci su Facebook

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy