Jun 26, 2019 Last Updated 12:36 PM, Jun 20, 2019

TRA ESPRESSIONISMO E CINEMA DI PROPAGANDA

Visite: 3585 volte

Il paragone tra l’Espressionismo e il cinema di propaganda può risultare audace sotto diversi aspetti, ma è doveroso ai fini della comprensione della storia del cinema tedesco e dell’analisi degli influssi che quest’ultimo ha avuto sul cinema mondiale. Dopo alcuni brevi cenni sulla nascita del cinema tedesco e sul cosiddetto proto-espressionismo, si prende in esame il sentimento estetico del perturbante, appartenente al cinema espressionista, ma che a discrezione personale, considerandolo come un immediato senso di inquietudine, può essere riscontrato anche durante la visione di un film di propaganda come Il trionfo della volontà (Triumph des Willens, Leni Riefenstahl, 1935). La sensazione di straniamento e fibrillazione di fronte alle parate dei soldati in marcia (di cui una scena è stata curiosamente ripresa con la stessa illuminazione e lo stesso angolo di inquadratura della mdp in Guerre Stellari – La vendetta dei Sith), alla luce del sole, alla partecipazione collettiva, all’apparente entusiasmo e alla sedicente atmosfera di normalità che pervade quello che il Prof. G. Rondolino definisce un vero e proprio “documentario su Norimberga”, richiama vagamente anche la successiva poetica filmica di Shining (1980). In effetti, Stanley Kubrick ha impostato il suo film proprio sul saggio che Freud scrive agli inizi del Novecento in merito al perturbante. Infatti, sommariamente, possiamo affermare che l’orrore e lo spavento che si prova nel vedere il film di Kubrick nasce, soprattutto, dal fatto che è girato con una luce accecante perennemente diffusa. Anche l’ordine e la simmetria à la Kubrick, che in Shining raggiunge una delle vette più alte del suo cinema, sono chiari richiami al tema del perturbante e possono essere riscontrati anche nel film della Riefenstahl, come analizzato. Di Pamela Fiorenza

Allegati:
Scarica questo file (ABSTRACT_TRA ESPESSIONISMO E CINEMA DI PROPAGANDA.pdf)ABSTRACT_TRA ESPESSIONISMO E CINEMA DI PROPAGANDA.pdf[Abstract del testo Tra Espressionismo e cinema di propaganda di Pamela Fiorenza]111 kB
Scarica questo file (TRA ESPRESSIONISMO E CINEMA DI PROPAGANDA_PAMELA FIORENZA.pdf)TRA ESPRESSIONISMO E CINEMA DI PROPAGANDA_PAMELA FIORENZA.pdf[Il passaggio dal cinema Espressionista al cinema di Propaganda nella Germania degli anni \\\'20 e \\\'30. Di Pamela Fiorenza]401 kB

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I più letti

DALL’UTOPIA DI CARMEN M. ALL’AUTOPSIA DI BOLSONARO: VIAGGIO NELL’IMMAGINARIO BRASILIANO CONTEMPORANEO

(RI) MONTAGGI 2019 - SCUOLA

20 Giu 2019 55a MOSTRA 2019

PERFEZIONE, REALTA’ E FINZIONE: JOHN MCENROE E JULIEN FARAUT

PERFEZIONE, REALTA’ E FINZIONE: JOH…

07 Giu 2019 54a MOSTRA 2018

SARAH E SALEEM: LÀ DOVE IL PRIVATO È POLITICA

SARAH E SALEEM: LÀ DOVE IL PRIVATO …

25 Apr 2019 NUOVE RECENSIONI

L’IMPOSSIBILE EREDITÀ DEL CITTADINO KANE*

L’IMPOSSIBILE EREDITÀ DEL CITTADINO…

15 Dic 2018 SPECIALE ORSON WELLES

Trovaci su Facebook

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy