Sep 20, 2018 Last Updated 10:33 AM, Sep 19, 2018

MONI OVADIA

Categoria: INTERVISTE
Visite: 4717 volte

MoniOvadiaPesaro

Conversazione con Moni Ovadia. I fratelli Marx, la Shoah e la questione palestinese. Di Filippo Biagianti

Pesaro 13 gennaio 2013, Teatro Rossini ore 19. Coadiuvato da due miei allievi dell'Accademia di Belle Arti di Urbino, sono sul palco a sistemare il set per l'intervista .. illuminazione, sedie, telecamere, micorfoni. Moni Ovadia arriva puntuale, lo spettacolo “Il registro dei peccati” è fissato per le 21, abbiamo i minuti contati per effettuare la nostra chiacchierata prima del suondcheck.

OvadiaUno

Ovadia è subito disponibilissimo, si siede, spalle alla platea. Inizia l'intervista.

Teatro_PesaroLa conversazione parte dall'Obraz...l'attore drammaturgo negli anni '70 è a Milano e all'Obraz Francesca Bandel Dragone, per anni traduttrice ufficiale di Anthony Burges, in quel periodo traduce ed adatta i film più conosciuti dei Fratelli Marx, eredi della comicità dissacrante e anarchica della cultura yiddish. Non ostante Ovadia, profondo conoscitore della cultura yiddish, all'epoca non ebbe modo di contribuire alla traduzione, l'arte comica dei Fratelli Marx diventa il filo conduttore di tutta l'intervista. Un umorismo originale, unico che da sempre ha contraddistinto la tradizione ebraica, ma che come radice scomoda, è stato nel tempo volutamente dimenticato in favore di un'immagine diversa della cultura ebrea, quella Israeliana, fatta di nazionalismo, guerra, paura.
Dopo più di mezz'ora, l'intervista che era iniziata con due storielle surreali tipiche della tradizione comica delle corti rabbiniche si chiude con una citazione perentoria di Primo Levi, gli estremi si sono toccati. Mancano 20 minuti all'inizio dello spettacolo. Ovadia fa partire il suondcheck con l'unico microfono presente sul palco. Noi lasciamo il teatro.

Filippo Biagianti (sinistra) e Andrea Solomita (destra) http://www.carcano9138.it/

Filippo_Biagianti_Moni_Ovadia Andrew_Moni_Ovadia

Regia, montaggio e conduzione intervista: Filippo Biagianti

Domande elaborate da: Massimiliano Studer e Filippo Biagianti

Riprese: Andrea Solomita e Francesco Rodan Fabbri, allievi del corso di Video Editing - I anno Visual e Motion Design -·Accademia di Belle Arti di Urbino

Post-produzione e Grafica: Andrea Solomita

Foto di scena: Francesco Rodan Fabbri

(Licenza Creative Commons·Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia)

CC-BY-NC-SA

 

Acquista on line

Alle origini di «Quarto potere». «Too much Johnson»: il film perduto di Orson Welles
alle origini di quarto potere
"Olympia" (con DVD) di Massimiliano Studer

Olympia

I più letti

"A LAND IMAGINED", PARDO D'ORO 2018: FUGA VERSO UN MONDO SOLO IMMAGINATO

"A LAND IMAGINED", PARDO …

19 Set 2018 NUOVE RECENSIONI

AMÉRICA: ¡QUE VIVA MEXICO!

AMÉRICA: ¡QUE VIVA MEXICO!

16 Set 2018 54a MOSTRA 2018

 ATA TU ARADO A UNA ESTRELLA: L’UTOPIA COME FRAMMENTO D’ETERNITÀ

ATA TU ARADO A UNA ESTRELLA: L’UTO…

04 Set 2018 54a MOSTRA 2018

★ THE ULTIMATE VOYAGE THROUGH SPACE AND TIME

★ THE ULTIMATE VOYAGE THROUGH SPACE…

30 Giu 2018 54a MOSTRA 2018

ZERZURA: DESERTO ROSSO, DESERTO D’ORO

ZERZURA: DESERTO ROSSO, DESERTO D’O…

28 Giu 2018 54a MOSTRA 2018

Trovaci su Facebook

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando il sito web Formacinema, accetti l'utilizzo dei cookies. Cookie Policy